200 scienziati e ricercatori da tutto il mondo a Catania del settore analisi ed elaborazioni delle immagini e dei video digitali

Catania – Innumerevoli sono le applicazioni pratiche del mondo che appartiene ad ICIAP – International Conference on Image Analysis and Processing –  la conferenza internazionale di analisi ed elaborazioni delle immagini che si terrà per la prima volta a Catania, dopo 19 edizioni, dall’11 al 15 settembre, presso il Monastero dei Benedettini.

Le ricadute applicative sono molteplici. Si va dall’ambito biomedico dove il miglioramento delle immagini di TAC, Ecografie, ecc.. ha permesso ai medici di poter formulare prima e con più facilità le diagnosi e dunque intervenire tempestivamente sulle malattie per consentire al paziente una cura mirata e l’auspicata guarigione a quella forense e delle investigazioni digitali grazie alle quali le forze di Polizia e Istituzioni d’ordine pubblico in genere, riescono ad abbattere notevolmente tempi e costi di ricerche e comprensione di prove indiziarie per una migliore risoluzione dei casi più ostici. Altri settori coinvolti riguardano i Beni Culturali, l’Archeologia, l’Industria Cinematografica e tantissimi altri.
Le aree di applicazione nella vita di tutti i giorni a beneficio del cittadino, fruitore ultimo e destinatario, verranno approfondite in occasione della Conferenza mediante la presentazione dei circa 140 lavori selezionati dal comitato scientifico. L’organizzazione ha ricevuto, infatti, progetti scientifici da tanti Paesi del mondo fra cui Australia, Austria, Brasile, Canada, Cina, Colombia, Cuba, Francia, Germania, Ungheria, Iran, Irlanda, Italia, Israele, Giappone, Corea, Kuwait, Malaysia, Messico, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Arabia Saudita, Serbia, Spagna, Sud Africa, Paesi Bassi, Tunisia, Turchia, Regno Unito, USA.

IL PROGRAMMA
Il programma generale dell’evento prevede nei primi due giorni 7 workshop e 5 tutorial (11 e 12 settembre) su argomenti di dettaglio, terzo giorno (13 settembre) cerimonia inaugurale alla presenza di ospiti istituzionali fra cui il Magnifico Rettore Francesco Basile e giornalisti di stampa specializzata e non; “Main Conference” sino al 15 settembre, data di chiusura lavori. La conferenza vera e propria vedrà la presentazione dei lavori scientifici attraverso delle presentazioni plenarie, le cosiddette sessioni oral e le sessioni Interactive che invece consentono una discussione ed un confronto personale sui risultati delle varie ricerche. Sono poi previsti 5 interventi tenuti da “Guest Star” internazionali che forniranno una panoramica sui più recenti trend e risultati ottenuti nei settori chiave della ricerca internazionale. La conferenza internazionale, momento importante per la ricettività turistica etnea, sarà, altresì, occasione per godere delle bellezze storico, culturali ed enogastronomiche della città grazie a specifici eventi collaterali in programma.

GLI ORGANIZZATORI
ICIAP 2017, conferenza itinerante biennale, è organizzata dall’Università di Catania, nello specifico dai docenti del Dipartimento di Informatica e Matematica, i prof. Sebastiano Battiato, e Giovanni Gallo  (nel ruolo di General Chair)  e dal prof. Filippo Stanco, in collaborazione con il collega milanese Raimondo Schettini (nel ruolo di Program Chair). Il comitato scientifico di livello internazionale ha visto la partecipazione di personalità italiane e straniere di altissimo livello scientifico.

L’evento è sponsorizzato dal GIRPR – Gruppo Italiano Ricercatori  in Pattern Recognition, dalla IAPR – Associazione Internazionale per il Riconoscimento dei Pattern e dalla SPRINGER che ha curato la stampa degli atti relativi. I docenti catanesi afferiscono al gruppo di ricerca IPlab – Image Processing Laboratory (http://iplab.dmi.unict.it), che ha fortemente voluto e spinto la candidatura della città di Catania quale sede vivace e ricca di attività ed iniziative, nonché fucina di giovani talenti di grande livello scientifico internazionale.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi