Al siracusano Giuseppe Garofalo imprenditore a Melbourne l’onorificenza di Cavaliere

Giuseppe Garofalo, uno degli imprenditori italiani di maggior successo in Australia, ha ricevuto le insegne di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia dalle mani del console generale d’Italia a Melbourne, Marco Maria Cerbo. “La società da lui diretta, Bruno Distributors – spiega un comunicato stampa diffuso dal nostro Consolato – si posiziona fra le prime nel settore dell’importazione dei prodotti agroalimentari italiani e contribuisce in maniera decisiva alla conoscenza e alla diffusione delle nostre tradizioni eno-gastronomiche. Giuseppe Garofalo è originario della provincia di Siracusa, in Sicilia, e lavora nel settore della distribuzione alimentare dal 1988: da allora, si è sempre impegnato contribuendo con generosità a numerose organizzazioni caritatevoli australiane attive per aiutare l’infanzia e non solo”.

L’onorificenza conferita all’imprenditore è fra le primissime decise dal nuovo presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, anch’egli siciliano. Nelle motivazioni per l’assegnazione del prestigioso riconoscimento, si legge che “in linea con le tradizioni di famiglia”, Garofalo “si è distinto nell’impegno in seno alla collettività italiana. Il contributo garantito regolarmente e generosamente alle attività comunitarie, nonché la costante partecipazione ai principali momenti di aggregazione hanno fatto sì che la sua figura sia generalmente rispettata e stimata. Il Sig. Garofalo, inoltre, è caratterizzato da un forte attaccamento alle istituzioni e da sempre garantisce sostegno alle iniziative organizzate sia dal Consolato generale che dall’Istituto italiano di cultura a Melbourne”. (Red)

SCHEDA / L’ORDINE DELLA STELLA D’ITALIA

L’Ordine della Stella d’Italia è stato istituito con Legge 3 febbraio 2011 n.13 (G.U. n.49 del 1.03.2011) che ha aggiornato denominazione, finalità e classi della Stella della Solidarietà Italiana. La nuova denominazione di “Ordine della Stella d’Italia” risponde ai cambiamenti intercorsi dal secondo dopoguerra, quando l’Ordine era stato istituito al fine di conferire riconoscimenti per gli italiani all’estero o stranieri che meglio avessero assistito nella ricostruzione dell’Italia. L’onorificenza è concessa dal presidente della Repubblica, su proposta del ministro degli Affari esteri, sentito il Consiglio dell’Ordine. Presieduto dal ministro degli Affari esteri, il Consiglio è composto da altri quattro membri, uno dei quali è di diritto il capo del Cerimoniale diplomatico della Repubblica. Con le modifiche introdotte dalla nuova legge si vuole ricompensare quanti abbiano acquisito particolari benemerenze nella promozione dei rapporti di amicizia e di collaborazione tra l’Italia e gli altri Paesi e nella promozione dei legami con l’Italia. La nuova legge istituisce due nuove classi; l’Ordine è così ora suddiviso in cinque classi: Cavaliere di Gran Croce; – Grand’Ufficiale; Commendatore; Ufficiale; Cavaliere. E’ istituita inoltre una classe speciale di Gran Croce d’Onore, destinato a chi abbia perso la vita o subito gravi menomazioni fisiche nello svolgimento di attività di alto valore umanitario all’estero.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi