Al via da domani il Cous Cous Fest a San Vito lo Capo

SAN VITO LO CAPO (TRAPANI), 22 SET – Prende il via domani a San Vito Lo Capo la 17\esima edizione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale.

Fino a domenica la cittadina sara’ il palcoscenico per una gara internazionale tra chef di 10 paesi, lezioni di cucina, dimostrazioni di chef stellati, incontri e concerti nel segno della multiculturalita’ e del piatto della pace: il cous cous. Tra i protagonisti di questa edizione tornano l’attore e chef italo americano Andy Luotto, la showgirl Eliana Chiavetta, Fede del duo Fede&Tinto di Decanter e la food blogger Chiara Maci.

Per la prima volta nella storia della manifestazione saranno dieci i paesi che parteciperanno alla gara gastronomica: Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Stati Uniti e Tunisia, presentando ricette a base di cous cous con il debutto di Libano ed Eritrea che non hanno mai partecipato alla rassegna. “Sono migliaia i visitatori – spiega Matteo Rizzo, sindaco di San Vito lo Capo – che vengono nella nostra cittadina in occasione della manifestazione premiando la nostra offerta turistica, culturale e di intrattenimento. Segno di una manifestazione che piace, diverte e lascia tutti con il sorriso.

E le ricadute, in campo turistico ed economico, sono rilevanti”.

Domani al via le degustazioni al villaggio gastronomico, aperto da mezzogiorno a mezzanotte, con oltre trenta ricette di cous cous diverse, compresa una variante senza glutine. Tra le novita’ i menu a base di pesce azzurro, fritto nella caratteristica padella gigante, alla Casa dei pescatori di San Vito lo Capo, a piazza Marinella. Grandi chef stellati – tra i quali Filippo La Mantia, Claudio Sadler, Giancarlo Morelli, Stefano Cerveni e Gennaro Esposito – presenteranno le loro ricette. Sul palco di San Vito Lo Capo ci sarà domani anche Gino Strada, fondatore di Emergency, che racconterà i vent’anni dell’organizzazione umanitaria, e il cantante Pino Daniele.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.