Almeno 18 morti e 21 feriti in blitz al museo. Al Jazeera: “Due italiani tra le vittime”

Concluse le operazioni delle forze speciali antiterrorismo al museo del Bardo di Tunisi: bilancio provvisorio 18 morti, 21 feriti, tre i terroristi uccisi, secondo fonti di sicurezza tunisine citate dalla radio locale BusinessNews.com.tn. Sarebbe morto anche un poliziotto.

Otto italiani feriti durante l’attacco. La Farnesina comunica che sono un centinaio i connazionali messi in sicurezza.

“Due italiani sono tra le vittime dell’attacco al museo del Bardo a Tunisi”: lo twitta Hoda Abdel-Hamid, senior correspondent in inglese di Al Jazeera. Non c’è al momento conferma ufficiale della notizia. La Farnesina sta verificando e non ha al momento conferme. Abdel-Hamid è l’ultimo giornalista ad avere parlato di vittime italiane a Tunisi. Poco prima era stato un suo collega del Financial Times, Borzou Daragahi, a parlare sempre su Twitter, di un italiano morto, riprendendo informazioni che sono circolate per tutto il giorno sui media tunisini.

Il presidente del consiglio Matteo Renzi condanna con fermezza gli atti criminali di Tunisi che vedono, purtroppo, coinvolti anche cittadini italiani ed esprime vicinanza al governo ed alle autorità tunisine di fronte ad un attacco tanto sanguinoso ed alla minaccia terroristica in Africa e nel mondo.

Tre uomini travestiti da soldati avrebbero tentato di attaccare il Parlamento tunisino che ha sede al Bardo e poi rapito un gruppo di turisti stranieri all’interno dell’adiacente museo del Bardo. I due edifici infatti non sono molto distanti tra loro.

I colpi di arma da fuoco uditi al Parlamento sarebbero stati sparati da agenti delle forze di sicurezza davanti all’entrata del museo del Bardo nei pressi del Parlamento, e non all’interno.

Gli italiani rimasti feriti fanno parte di un gruppo di turisti in crociera. Al momento dell’attacco, si è appreso alla Farnesina, nel luogo della sparatoria erano in circolazione tre bus turistici.

Ci sarebbe un gruppo di dipendenti del Comune di Torino tra gli ostaggi italiani al museo del Bardo. Tra loro Carolina Bottari, 54 anni, impiegata presso l’ufficio Patrimonio dell’amministrazione comunale. La comitiva era in crociera a bordo della Costa Fascinosa. L’amministrazione comunale si sta mettendo in contatto con la Farnesina.

“La situazione sul posto è sotto controllo, ma non abbiamo ancora informazioni precise sul bilancio” delle vittime. Lo ha detto il direttore del museo del Bardo, parlando per telefono con un giornalista di Le Parisien, Thibault Raisse, che ha postato un messaggio su Twitter.

Gli agenti della sicurezza hanno impedito a giornalisti e deputati di lasciare l’aula del parlamento. Più di 200 turisti erano presenti all’interno del museo del Bardo, a Tunisi, al momento dell’attacco. Lo riferisce l’emittente privata locale Radio Mosaïque FM.

Juncker e Valls, seguiamo da vicino avvenimenti Tunisi – “Seguiamo da vicino gli avvenimenti in Tunisia”. Lo dice il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, aprendo la conferenza stampa al termine della visita del primo ministro francese Manuel Valls che aggiunge: “Condanniamo con la più grande fermezza” l’azione che “ha portato alla presa di ostaggi all’uccisione di turisti”. Un’azione che, continua Valls, “illustra crudelmente le minacce cui siamo esposti in Europa e nel mondo”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi