Apre a Palermo “LabEuropa”, con l’obiettivo di avvicinare Bruxelles ai cittadini

Nasce anche a Palermo il Centro studi europeo “LabEuropa”, promosso dall’europarlamentare sardo di Forza Italia-Ppe Salvatore Cicu (nella foto insieme a Pippo Fallica). L’apertura della sede nel capoluogo siciliano segue quella di Cagliari, avvenuta lo scorso mese di luglio. Una iniziativa politica, quella promossa dal deputato azzurro, che mira a fare formazione ed informare i cittadini sull’Europa e su tutte le possibilità che questa offre.

 A fare da anfitrione, nel corso dell’inaugurazione del Centro studi aperto ieri mattina in via Siracusa, Pippo Fallica, ex parlamentare di Forza Italia e riferimento siciliano di Salvatore Cicu.

 A spiegare la “mission” di LabEuropa è stato lo stesso Salvatore Cicu. Il centro metterà a disposizione strumenti e competenze per le amministrazioni locali, associazioni, scuole, imprese e operatori.  “Un’opportunità per avvicinare in modo concreto e pratico l’Unione europea ai nostri territori – ha spiegato Cicu -, in una congiuntura socio-economica e politica a dir poco difficile, caratterizzata da una generale sfiducia nei confronti delle istituzioni comunitarie. La prima cosa che faremo – ha aggiunto il deputato europeo – è un progetto sull’alfabetizzazione Europea che mira a far conoscere le potenzialità e le oppurtunità della Comunità a beneficio dei cittadini, dei Comuni e delle aziende, per promuovere la crescita e lo sviluppo delle comunità territoriali. Si ha infatti la consapevolezza della scarsa conoscenza delle opportunità  e dei progetti che l’Unione europea pone a disposizione degli Enti territoriali e delle aziende. In tale prospettiva il Centro Studi LabEuropa – ha ribadito Cicu – vuole rappresentare un interlocutore credibile per tutti i soggetti – pubblici e privati – che possono beneficiare delle azioni di recupero delle risorse finanziarie programmate dalla UE nell’ambito della nuova programmazione 2014-2020”.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.