Cappello (Confindustria), entro 2020 triplicare export pmi siciliane

cappello_giorgioPalermo – “Quella che stiamo vivendo è la più imponente crisi dal dopoguerra ad oggi. È per questo che mai come in questo momento è necessario pensare a un patto per lo sviluppo, che metta insieme associazioni datoriali, sindacati, politici”. A dirlo a margine del congresso provinciale della Cgil, è stato Giorgio Cappello, presidente della Piccola Industria di Confindustria Sicilia. Per il leader degli industriali l’obiettivo comune deve essere “quello di rimettere in moto l’economia, rendendo le imprese competitive sui mercati internazionali. In questo momento sono due le priorità: rendere la Sicilia attrattiva per gli investimenti stranieri e, al tempo stesso, sostenere le nostre imprese all’estero. Non è un caso che la Piccola Industria di Confindustria Sicilia – dice Cappello – si sia posta un obiettivo preciso per uscire dal tunnel: triplicare entro il 2020 la quota dell’export, che oggi nell’Isola vale 13 miliardi di euro, di cui i due terzi derivanti dal petrolio”. “Allora proviamo a capovolgere il sistema – conclude il presidente della Piccola Industria di Confindustria Sicilia – e diciamo che da qui a dieci anni i due terzi dell’export dovrà essere rappresentato dalle nostre piccole e medie imprese, capaci di portare in giro per il mondo il brand Sicilia. Per farlo, però, serve fare squadra e poter contare su politiche burocratiche snelle e chiare”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi