Confimi Industria Sicilia: il nuovo responsabile parla emiliano

REGGIO EMILIA – Il sistema Italia viaggia su binari solidi verso il futuro e l’Emilia rappresenta una delle locomotive d’Italia dalla quale prendere spunto. La Sicilia, promotrice di una politica non “per il Sud” ma “dal Sud” aspira a giocare un ruolo da capotreno, insieme e mai in contrapposizione, con tutte le altre Regioni come ad esempio l’Emilia che già rappresenta un’eccellenza di quel “convoglio” chiamato: manifatturiero.  Questa locomotiva, contro tutto e tutti, procede con la barra dritta trascinando (non senza fatica) vagoni di speranza, di crescita economica e di export.

In questa logica di unitarietà politica/imprenditoriale, Ninni D’Aguanno, presidente di Confimi Industria Sicilia, ha deciso di fare calciomercato e di impegnare, a favore delle aziende siciliane associate alla confederazione, uno dei massimi dirigenti in materia di internazionalizzazione e mercato globale

Stiamo parlando di Mario Lucenti (a destra nella foto), reggiano, che nel recente passato ha ricoperto il ruolo di direttore di Confimi Emilia. Lucenti, che oggi dirige una nota azienda del settore dei servizi, si è subito messo a disposizione delle piccole e medie imprese siciliane, condividendo la sfida del presidente D’Aguanno.

 Così il presidente di Confimi Industria Sicilia, subito dopo la nomina di Lucenti: “Ritengo Mario una persona dalle indubbie qualità umane e professionali, una persona che con la sua esperienza e con le sue capacità può certamente giovare ai nostri associati, interpretando quel sentimento di visione d’insieme che vuole il nostro amato Paese unito pur nelle sue diversità intrinseche.
 Gli emiliani sono maestri del manifatturiero e noi siciliani, con la nostra voglia di fare, abbiamo tutto l’interesse a guardare al futuro proprio come nel tempo hanno fatto gli emiliani. Abbiamo eccellenze che già esprimono questo forte sentimento di crescita ma abbiamo ancora tanto da fare e per questo ho proposto a Mario di unirsi a noi in questa sfida chiamata internazionalizzazione.
 La Sicilia deve guardare avanti, abbiamo molto da dare e i nostri prodotti meritano una solida opportunità sul mercato globale”. Pronto alla sfida anche Mario Lucenti con esperienze significative anche nel comparto edile ed infrastrutturale, che ha commentato così l’inizio di questa nuova sfida: “Ringrazio il presidente D’Aguanno e tutti gli associati di Confimi Industria Sicilia per la fiducia.
 Non sarà facile ma sono pronto a mettere a disposizione l’esperienza maturata nel corso della mia carriera, perché conosco la Sicilia e le sue potenzialità. Dedicherò a Confimi Industria Sicilia tutto il tempo che sarà necessario per creare progetti e iniziative utili alle sue aziende. Sulla mia lista di iniziative da organizzare ci sono diversi viaggi, alcuni in Centro America, altri in Asia per passare poi da Israele ed altre aree geografiche di crescente interesse economico.
 La mia missione è quella di promuovere i prodotti e il manifatturiero siciliano nei mercati emergenti, con delle visite guidate e con degli scambi frequenti. Ritengo, in conclusione, che l’Internazionalizzazione non sia solo il fine ma anche il mezzo per rendere più competitive le nostre aziende nell’era dell’industria 4.0.”

Articolo  tratto da  ReggioSera :https://www.reggiosera.it

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.