Corrao, dove andranno soldi dell’interporto di Termini Imerese?

BRUXELLES – “La realizzazione dell’interporto di Termini Imerese è stata bocciata dall’Ars, ma che fine faranno i 48 milioni di euro messi a disposizione dell’Europa?”. E’ quanto chiede l’europarlamentare siciliano Ignazio Corrao, già capo delegazione del Movimento 5 Stelle a Bruxelles e vice presidente del gruppo EFDD in una interrogazione alla Commissione europea.
La costruzione dell’opera – ricorda Corrao – era stata inserita anche nei documenti di programmazione comunitaria.
Soggetto aggiudicatore dell’Interporto era stata la Società degli Interporti Siciliani S.p.A., società di scopo a totale capitale pubblico. Nel giugno del 2013 la Commissione Europea – prosegue Corrao – ha approvato lo stanziamento di 47,9 milioni di euro a fronte di un investimento complessivo di 92,2 milioni di euro, utilizzando i fondi comunitari FESR nell’ambito dell’obiettivo Convergenza della Regione Sicilia, ma nel luglio del 2014 un voto contrario dell’Assemblea Regionale Siciliana ha bloccato la ricapitalizzazione di Società Interporti, interrompendo di fatto la realizzazione dell’infrastruttura. “A questo punto della vicenda – sottolinea l’europarlamentare M5S – che fine faranno i soldi dell’Europa? Può la Commissione Europea indicare se le risorse stanziate dall’Ue sono vincolate alle sorti della società aggiudicatrice? Possono, in caso, le stesse somme essere utilizzate per il medesimo obiettivo tramite altri soggetti? O possono magari essere utilizzate per la realizzazione di opere certamente più utili? La sensazione è – conclude Corrao – che anche in questo caso una opera pubblica come questa, abbia rappresentato una nebulosa di interessi particolari”. (

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.