eTwinning, novità per i gemellaggi elettronici tra scuole: nuovi paesi, nuovi strumenti e progetti nazionali

FIRENZE – Nelle prossime settimane il panorama dei gemellaggi elettronici europei eTwinning – la community europea di insegnanti che offre l’opportunità di collaborare a progetti di gemellaggio elettronico tra classi – amplierà la propria offerta mettendo a disposizione degli iscritti tante nuove possibilità per attivare progetti, insieme a rinnovati strumenti online per lavorare meglio nella piattaforma.

In primo luogo, con il recente ingresso nel Programma Erasmus+ di Albania, Bosnia-Herzegovina, Montenegro, Serbia e Liechtenstein, il mondo di eTwinning si allarga. Gli utenti iscritti avranno infatti l’opportunità di lavorare anche con i colleghi di questi Stati, per un più completo e diffuso scambio di culture, esperienze e conoscenze tra le scuole del vecchio continente.
La piattaforma è attualmente in fase di aggiornamento per attivare le possibilità di gemellaggio con le scuole dei nuovi Paesi.
Un’altra importante novità di questo periodo sarà l’apertura di eTwinning al contesto nazionale, con la possibilità di attivare gemellaggi elettronici anche solo tra scuole dello stesso paese, senza quindi l’obbligo attuale di avere almeno un partner straniero.
La scelta dei gemellaggi nazionali è stata decisa da Bruxelles con la motivazione di “incentivare la diffusione delle opportunità degli strumenti eTwinning verso nuove scuole attraverso un approccio più soft alla cooperazione, cercando di aggirare o rendere meno traumatico l’ostacolo della lingua straniera per gli insegnanti”.
Sarà possibile attivare gemellaggi nazionali già a partire da lunedì 8 settembre.
A fine settembre sarà infine disponibile una versione aggiornata del TwinSpace, lo spazio di lavoro della piattaforma, che permetterà alla community di eTwinning di comunicare con i partner, portare avanti le attività del progetto e documentare i risultati in modo più semplice ed efficace. Le novità non riguarderanno solamente il restyling grafico, ma soprattutto un cambio radicale dell’interfaccia e dell’architettura degli strumenti a disposizione degli utenti.
Grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie e a partnership attivate a livello europeo, eTwinning costituisce una fonte di sperimentazione e innovazione delle pratiche di insegnamento tradizionali
L’azione è nata nel 2005 e oggi parte del programma europeo Erasmus+, eTwinning conta oggi oltre 250.000 insegnanti registrati, 124.000 scuole e 35.000 progetti di gemellaggio in tutta Europa.
L’Unità nazionale eTwinning fa parte dell’Agenzia nazionale Erasmus+ di INDIRE (Istituto Nazionale di Documentazione Innovazione e Ricerca Innovativa), con sede a Firenze.

Gianni Contino

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.