Facebook for children. La solidarietà viaggia sulla rete

La solidarietà viaggia sulla rete. Veste i panni di anonimi donatori disponibili a “dare” per regalare un sorriso ad un bambino.

Si chiama “Facebook for children”, l’iniziativa avviata a Vittoria da un giovane ingegnere, Dario Gulino. Si sceglie la piattaforma di facebook, del social network oggi più più diffuso, per mettere in rete bisogni e richieste, disponibilità a donare e istanze di aiuto. Dario Gulino ha avviato la sua iniziativa nel luglio scorso. E’ un’iniziativa giovane, ha appena 50 giorno di vita. In un mese aveva superato le 5000 adesioni, oggi sono più che raddoppiate. Gli iscritti, in modo semplice e spontaneo, si mettono in contatto tra loro.

Chi ha qualcosa da dare trova chi ne ha bisogno, e viceversa. Qualcuno offre la propria disponibilità solo come autista per consegnare un oggetto che si trova in una città a chi vive a qualche chilometro di distanza. Di recente, ha aderito anche il comune di Vittoria. Sarà attivato un profilo con il nome “Assistenza Vittoria” e vi potrà accedere un dipendente del comune. Il comune, quindi, metterà “in rete” i bisogni di cui gli uffici vengono a conoscenza e chi vorrà potrà donare. “Buone donazioni!” ha augurato il sindaco, Giuseppe Nicosia. “Spero che altri comuni seguano lo stesso esempio” ha aggiunto Gulino.
Gulino spiega perché è nato facebook for children. “Tre anni fa sono diventato padre – racconta – accanto a me c’era una famiglia ed un bambino che non aveva nulla. Abbiamo regalato qualche camicina del nostro bambini , ma ho capito che non bastava”. I bambini non scelgono dove venire al mondo: qualcuno è più fortunato, altri un po’ meno.
Gulino racconta piccole storie di chi è stato aiutato dalla “rete”. “Una minorenne di Gela ha deciso di non abortire più. Lei ed il suo ragazzo si sono sentiti “sostenuti” a chi ha messo a loro disposizione quanto necessario per il nascituro. La solidarietà della “rete” ha anche aiutato una vittima dell’usura che non aveva quanto necessario per la scuola del figlio. E’ stato donato il corredo scolastico”.

Francesca Cabibbo

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.