Gal Madonie promuove progetto trasnazionale prodotti tipici e dieta mediterranea

Sei Gal, 100 comuni per una rete delle unicità De.Co. grazie al progetto di  cooperazione transnazionale “Prodotti Tipici e Dieta mediterranea”,  che coinvolge 4 gal siciliani (Madonie, Sicani, Metropoliest e Natiblei), 1 gal emiliano romagnolo (L‘altra Romagna), 1 gal bulgaro (Chirpan) e due Agenzie di sviluppo straniere (ATLAS Tunisia e Regionalni razvojni center Koper Slovena), unitamente ad un partenariato nazionale ampio e variegato (I.Di.Med., SO.SVI.MA. S.p.A., CE.RI.S.-C.N.R., L.U.R.S.S., Consorzio Produttori Madoniti, CONAD Sicilia, I.A.M.C.-C.N.R., Associazione Strade del Vino Terre Sicane, Gal Val D’Anapo, G.A.T. Euromed, S.C.E. s.r.l., Consorzio Sicilia Hyblea, e 7 A.S.P. siciliane (PA, AG, CL, EN, CT, RG, SR), collaboreranno per diffondere i valori connessi all’utilizzo della Dieta Mediterranea. Il progetto, finanziato nell’ambito della Misura 421 del P.S.R. SICILIA 2007/2013, è stato presentato nei giorni scorsi a Campofelice di Roccella (PA), presso la Masseria “Torre Garbinogara”.

“La valorizzazione della dieta Mediterranea – ha dichiarato il presidente del Gal Isc Madonie, Bartolo Vienna – coinvolge necessariamente i prodotti di eccellenza del territorio siciliano, spesso associati all’identità di un luogo, di un’area o di un comune come pane, pasta, frutta, verdura, moltissimi legumi, olio extra-vergine di oliva, pesce e pochissima carne che sono gli ingredienti cardine della Dieta Mediterranea, dichiarata dall’Unesco “Patrimonio orale e immateriale dell’umanità”.

E’ stato il responsabile di Piano del Gal Madonie Dario Costanzo, a presentare il progetto che ha tra i suoi obiettivi, perseguire fini salutistici, con il consumo di prodotti sani e terapeutici, in grado cioè di  limitare alcune patologie, Rilanciare le produzioni agricole tipiche del territorio; applicazione di metodi di coltivazione ecosostenibili, rispettose dell’ambiente; Ridare dignità ai produttori, limitando i condizionamenti del mercato e della domanda.

Durante l’incontro è stato presentato il format Genius Loci De.Co. (Denominazione Comunale) un opportunità  per salvaguardare l’identità di un territorio legato ad una produzione specifica, con pochi e semplici parametri, il luogo di “nascita” e di “crescita” di un prodotto e che ha un forte e significativo valore identitario per una Comunità.

 Tra le azioni previste anche quello di realizzare e rafforzare piccole piattaforme logistiche, costruire “nuovi” mercati interni per gli alimenti tradizionali legati alla dieta Mediterranea.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.