Giovane ragusana gira Australia in bici

PALERMO, 4 FEB – Girerà l’Australia da sola in sella alla sua bici. E’ la nuova impresa di Alessandra Nicosia, giovane siciliana di Vittoria (Ragusa), biker di 28 anni che ha già percorso migliaia di chilometri in Italia, Regno Unito, Francia e Norvegia. Ale Fox, questo il suo soprannome, macinerà nel nuovissimo continente, a partire da domani, altri tremila km per un’avventura che la porterà a percorrere una delle isole più belle del continente australiano, patrimonio dell’Unesco, la Tasmania per poi raggiungere Sydney. Ale Fox racconterà il suo viaggio fuori dal comune nel suo blog, alessandranicosia.blogspot.it, una sorta di diario virtuale che la accompagna in ogni sua avventura. La sua unica “compagna” di viaggio sarà una bicicletta prodotta dalla Lombardo Bikes, azienda siciliana che esporta in tutto il mondo, l’Amantea 200 M, una fitness bike con portapacchi anteriore e posteriore e copertoni antiforatura.
Alessandra sviluppa sin da ragazzina l’ amore per la bicicletta, non tanto come mezzo per praticare sport, quanto come veicolo per spostarsi (non ha mai preso la patente non ritenendola necessaria per muoversi). Il suo primo viaggio “serio” sulla due ruote, nasce quasi per gioco: ultimo anno di università a Roma, pensa che sarebbe stato divertente tornare a casa sua, in Sicilia, utilizzando la bici. Domani Alessandra sarà in Australia e, dopo una breve sosta a Melbourne per riprendersi dal jet lag, si imbarcherà per la Tasmania, che percorrerà in senso anti orario, con tutte le deviazioni del caso. Partirà dal nord e, attraversando la parte occidentale dell’isola, la più selvaggia, arriverà a sud, dove si trova la capitale Hobart, per poi risalire dalla parte orientale, quella più turistica e ritrovarsi nuovamente a Devonport, dove prenderà il traghetto per Melbourne. Qui comincerà la seconda parte della sua avventura che la porterà a Sydney, percorrendo altri duemila km.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi