Il 20% dell’export di vini italiani finisce in Germania

Roma, 20 mag. – I vini italiani parlano sempre più tedesco e “svizzero”: arrivano da Wine Monitor, l’Osservatorio di Nomisma sul mercato del vino, gli ultimi dati sul mercato tedesco che sarà oggetto assieme alla Svizzera del prossimo seminario “Focus Germania e Svizzera” organizzato da Wine Meridian in collaborazione Wine Monitor.

“Con oltre 2,5 miliardi di vino importato nel 2014, la Germania si colloca al terzo posto tra i principali mercati d’importazione di vino al mondo, dietro a Stati Uniti e Regno Unito. Questo Paese rappresenta da sempre uno dei più importanti Paesi di destinazione per l’export vitivinicolo italiano: attualmente il 20% delle vendite all’estero di vini made in Italy si indirizza verso tale mercato” dichiara Denis Pantini, responsabile di Wine Monitor.

Analizzando i dati rilevati da Nomisma Wine Monitor, colpisce un numero: 25,5 L/anno, che è il consumo pro-capite di vino in Germania, per un totale di 20,4 milioni di ettolitri di vino. La Germania non è sicuramente il Paese europeo dove si consuma più vino (superato da Francia, Italia, Portogallo, Austria, Belgioà), ma presenta una predisposizione al prodotto da parte dei consumatori molto positiva. Il tedesco è in media aperto alla diversità del vino, effettua la scelta del prodotto in base al gusto, è sensibile al prezzo ma non è rigidamente legato ad una fascia di prezzo.

Nel complesso il mercato tedesco, che dal punto di vista fiscale non presenta tasse/accise sul vino (per gli esportatori) a parte l’IVA al 19%, è molto attrattivo per le aziende vitivinicole italiane perché la domanda è comunque sostenuta e sta emergendo una tendenza molto interessante. “Aumenta la domanda di vini di qualità e quindi aumenta il prezzo medio di acquisto. Questo processo di premiumization si è verificato anche nei discount e supermercati” prosegue Pantini. Rimangono comunque alcune sfide come l’elevata concorrenza su qualità, prezzi e promozioni e la complessità dovuta alla grande varietà di canali di vendita.

Per quanto riguarda la Svizzera, è uno dei primi cinque mercati al mondo per consumo pro-capite di vino, un Paese con una tradizione vinicola simile a quella italiana e quindi culturalmente affine, territorialmente vicino. Questi ed altri ancora sono i motivi che spingono i produttori di vino italiano a cercare opportunità di business in Svizzera.”La Svizzera è da sempre un mercato di riferimento per gli operatori vitivinicoli italiani, con un consumo pro-capite pari a 35,5 litri nel 2014, di cui il 15% realizzati nel canale on-trade. Sebbene i consumi pro-capite siano in tendenziale calo (erano 39,9 nel 2004) e le previsioni al 2018 confermino una flessione dei consumi (34,7 litri pro-capite con un CAGR pari a -0,6%), la Svizzera rimane un mercato di grande interesse: il consumo di vino importato è pari a due terzi dei consumi complessivi” spiega Silvia Zucconi, coordinatore Nomisma Wine Monitor.

La Svizzera, con un valore dell’import di 916 milioni di euro nel 2014, è il settimo mercato d’importazione a livello mondiale. Gli ultimi trend di mercato dicono che nonostante la frenata registrata nelle vendite a volume (-2% tra il 2008 e il 2014), negli ultimissimi anni il mercato del vino risulta in leggera ripresa (+0,4% tra 2013 e 2014 a volume). Dal punto di vista delle preferenze dei consumatori elvetici, sul mercato svizzero il vino italiano batte le vicine Francia e Spagna, posizionandosi al primo posto con una quota di mercato del 36%, seguito dai vini francesi (33%) e spagnoli (14%). Le potenzialità per il vino italiano sono dunque in crescita, ma andiamo a vedere le preferenze della popolazione svizzera suddivise per sesso ed età.

Secondo un sondaggio Wine Monitor, l’82% della popolazione svizzera tra 18 e 65 anni ha consumato vino (in casa e/o away from home) in almeno un’occasione negli ultimi 12 mesi; tra questi, il 23% è frequent consumer (ha bevuto vino quasi tutti i giorni o 2/3 volte a settimana

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.