Il Cluster Bio Mediterraneo sarà presentato il 7 ed 8 marzo ad Expo Gate Milano

Expo 2015, mancano ormai meno di 130 giorni per affrontare la sfida, che tutti gli attori istituzionali ed imprenditoriali non esitano a definire epocale per la Sicilia e per il rilancio della sua immagine ed economia legata al territorio. Ma a che punto siamo? Sugli obiettivi e sulle progettualità concrete per Expo, sullo stato di avanzamento del Cluster Bio-Mediterraneo e sulla partecipazione della Sicilia all’interno del Padiglione Italia dedicato all’ eccellenza delle regioni, si è parlato ieri nel corso della giornata promossa da  CERISDI e IULM al Castello Utveggio- sede dell’Istituto di Formazione e Management seguito in diretta streaming dai 43 Comuni siciliani che compongono il Coordinamento di Siti Unesco.

Ribadita la strategia  di valorizzare le eccellenze alimentari legandole  al territorio ed il valore stesso della cultura siciliana che nel connubio esistente tra patrimonio artistico, culturale,  ma anche alimentare,  è rappresentata come nessun’ altra nel mondo con i suoi  9 siti Unesco e con la bandiera della  Dieta Mediterranea, bene immateriale e stile di vita eco-sostenibile e salutistico condiviso con Spagna e Francia.  A luglio a Bonn il Comitato Unesco si pronuncerà definitivamente sull’ inserimento, ormai pressochè definitivo, dell’ itinerario bizantino, arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù, rilanciando l’ eccellenza dell’ offerta turistica  dell’ isola in chiave culturale,  aspetto sottolineato e fatto emergere in tutta la sua essenza di valore da Gianni Puglisi, Rettore dell’Università  IULM e della Kore di Enna. L’ assessore regionale all’ Agricoltura Nino Caleca ha sottolineato l’ importanza di portare ad Expo la Sicilia della legalità e trasparenza, annunciando l’ iniziativa  di associare ad ogni scontrino di acquisto per i prodotti agroalimentari nel Cluster Bio Mediterraneo un ingresso gratuito nei musei siciliani.

Tra i progetti illustrati che rappresenteranno la Sicilia ad Expo,  il Sicily tasting Journey di Confindustria Alberghi e Turismo, UnExpo Sicilia, tour culturale che attraverserà i siti Unesco Siciliani con eventi tematici durante i sei mesi di Expo illustrato dalla fondazione Unesco Sicilia,   ed in particolare il Progetto del Cluster Biomediterraneo, che vede la Sicilia capofila di 12 paesi del bacino. Il 7 ed  8 marzo  il Cluster, dove è atteso un altissimo  numero di visitatori per la posizione strategica accanto al Lake Arena e per l’ attrattività della proposta alimentare legata alla Dieta Mediterranea, sarà presentato a Milano all’ Expo Gate di piazza Duomo con tutte le sue iniziative.  Sul fronte dei biglietti per Expo venduti, si è appreso che oltre 700 mila sono già stati acquistati dai cinesi, mentre in Europa è la Francia a trainare l’ indice di gradimento. Per quanto riguarda la presenza della Regione Sicilia al Padiglione Italia, gestita dall’ assessorato Attività Produttive attraverso lo sportello regionale per l’ internazionalizzazione Sprint, si è appreso che c’è ancora spazio per adesioni e progettualità da parte delle imprese che si presentino  aggregate su progetti di eccellenza e innovazione. Queste saranno rappresentate con  5 settimane di visibilità a rotazione ed avranno a disposizione una casa Sicilia di 30 mq per organizzare incontri business, nonché una visibilità dedicata nella piazza Sicilia che si aprirà lungo il  Cardo zona Nord di Expo.

CERISDI  E IULM puntano adesso a stringere la loro partnership istituzionale  per incidere in maniera significativa  con una formazione d’eccellenza, lanciando il secondo master dedicato al Made in Italy ed al marketing agroalimentare in vista di Expo, ma guardando oltre.  Il master, che partirà  con le selezioni a fine gennaio, ha già ricevuto la copertura per 12 borse di studio da parte dell’ INPDAP. Un progetto che punta a creare un brand, un segno distintivo internazionale  su produzione alimentare e territorio, ed a preparare i professionisti che lavoreranno al dopo Expo in Sicilia.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.