Il Comune di Delia aderisce ad Agromed Quality per incontrare operatori agricoli della Tunisini

Il Comune di Delia ha aderito al progetto “Agromed Quality”, una piattaforma tecnologica per consentire l’incontro tra operatori agricoli siciliani e tunisini.
“Lo scopo di “Agromed quality” – ha detto il sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri – è quello di facilitare gli scambi di prodotti agricoli ed agroalimentari di qualità e lo sviluppo di nuove opportunità di collaborazione tra la Tunisia e la Sicilia favorendo così l’integrazione dei settori dell’agricoltura e dell’agroalimentare della Sicilia e della Tunisia per migliorare la loro presenza sui mercati internazionali attraverso l’adozione di adeguate politiche rivolte alle necessità aziendali”.

La piattaforma offrirà agli operatori studi riguardanti il tessuto economico, produttivo e legislativo dei territori interessati, corsi di formazione per gli operatori agricoli tunisini e italiani sui temi della qualità agroalimentare, servizi di e-consulting, spazi on line per promuovere iniziative, offerte, prodotti e servizi.
La piattaforma permetterà di conoscere e proporre processi di buone prassi per migliorare i processi produttivi del mondo agroalimentare. Darà la possibilità di acquisire informazioni legati al mondo delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict).
“Agromed quality – ha detto anche l’assessore all’Agricoltura, Antonio Gallo – servirà a fare condividere le competenze e le tecnologie tra imprese ed istituzioni tunisine e siciliane e consentirà agli utenti di proporre partnership per la realizzazione di progetti sfruttando le opportunità offerte dal Progetto senza alcun costo per le aziende aderenti”.

Il progetto Agromed Quality, che vede come capofila la Provincia di Caltanissetta e partner la Cooperativa sociale Ares e l’Unione provinciale Agricoltori-Confagricoltura di Caltanissetta, l’Unione maghrebina degli Agricoltori e l’Utap (Unione tunisina agricoltura e pesca), si inserisce nel quadro della politica europea di vicinato nell’ambito dei rapporti di collaborazione transfrontaliera.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi