Immigrazione: ‘Scritture migranti’, convegno a Palermo

PALERMO, 4 NOV – Prende il via giovedì prossimo all’ex facoltà di Lettere di viale delle Scienze, a Palermo, il convegno internazionale “Poete e poeti”, quarto momento di un ciclo sulle “Scritture migranti” organizzato dall’Università, su iniziativa di Laura Restuccia e Giovanni Saverio Santangelo, professori di Critica letteraria e Letterature comparate.

L’obiettivo è quello di approfondire la conoscenza e lo studio della produzione letteraria offerta da scrittrici e scrittori migranti: un fenomeno culturale manifestatosi fin dagli anni ’80 del Novecento, e che inizia a presentare una propria consistenza anche in Italia. “Poete e poeti”, con un programma lungo cinque giorni nell’arco di due settimane tra l’ex facoltà di Lettere e lo Steri, sede del rettorato universitario – focalizza l’attenzione sulla produzione scrittori che hanno scelto di vivere nel nostro Paese e di comporre le proprie opere in lingua italiana, e in special modo sulla scrittura femminile.

La manifestazione propone una serie di incontri collaterali: seminari, dibattiti, proiezione di video e uno spettacolo che traggono spunto dalla drammaticità del migrare. A chiusura del convegno, infatti, la Compagnia delle poete (nata nell’estate del 2010, per iniziativa di Mia Lecomte, poeta italo-francese e studiosa di letteratura della migrazione), presenterà una lettura scenica di liriche dal titolo “Madrigne”.

In Italia sono oltre 400 gli autori migranti che scrivono nella nostra lingua, provenienti in larga parte da Albania, Romania, Croazia, Brasile, Argentina, Marocco e Iran, ma anche da Eritrea, Somalia ed Etiopia.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.