Inaugurata l’interconnessione elettrica Malta-Sicilia dai primi ministri dei due paesi

Malta – L’interconnessione elettrica che collega Malta alla rete energetica europea attraverso la Sicilia è stata ufficialmente inaugurata oggi pomeriggio dai due primi ministri, di Malta, Joseph Muscat e dell’Italia, Matteo Renzi.

Il progetto è stato avviato dal precedente governo maltese – l’ex primo ministro Lawrence Gonzi è stato invitato all’inaugurazione – e il contratto con la società posacavi la norvegese, Nexans, è stato firmato nel dicembre del 2010.

Le previsioni iniziali  erano che il progetto, che è in parte finanziato attraverso ilprogramma energetico europeo dell’UE , sarebbe stato concluso entro la fine del 2013, per una serie di ritardi legati al rilascio del permesso necessario per posare il cavo sottomarino dalla Sicilia a Malta.

Il progetto è stato infine approvato dall’Italia nel gennaio del 2013,  e dopo che Malta ha accettato di pagare 600.000 € a titolo di compensazione ambientale. Le autorizzazioni necessarie per costruire gli impianti necessari a Marina di Ragusa, dove il cavo sottomarino inizia, sono stati rilasciati la scorsa estate.

Tutti  le installazione,  le attrezzature necessarie per la giunzione dei cavi, opere che sono state eseguite  a Malta e in Sicilia sono stati completati entro la fine di dicembre 2014,  mentre le prove  del sistema sono iniziate lo scorso gennaio, aprendo la strada per la sua messa in servizio  proprio oggi.

Caratteristiche del  progetto

L’interconnessione è un  sistema ad alta tensione lungo  120 km  in grado di trasmettere fino a 200 MW di potenza elettrica in entrambe le direzioni, quindi offrendo a Malta l’opportunità sia per l’acquisto di energia elettrica dall’ Europa e potenzialmente, anche, vendere un eccesso di capacità.

Essa è legata a quella italiana – e, di conseguenza, europea – rete energetica alla sottostazione Terna al sud di Ragusa, e viaggia per  19,1 km via terra prima di raggiungere il Mar Mediterraneo all’altezza della costa di Marina di Ragusa.

Il cavo sottomarino  è lungo  circa 98 chilometri , ed è stato posato tra dicembre 2013 e marzo 2014 con una nave posacavi specializzata, la Nexans Skagerrak. Il cavo sottomarino è sepolto in una trincea sotto il fondo marino, lungo la maggior parte del percorso, ma in zone dove il fondale era troppo difficile da scavare, il cavo è coperto con una banchina di roccia.

Il cavo attraversa anche alcune praterie di Posidonia oceanica, e in queste aree, per evitare di danneggiare l’habitat della pianta,  non è stato sepolto, ma avvolto in forte gusci in ghisa.

Oltre cavi elettrici in rame, l’interconnettore comprende anche due gruppi in fibra ottica, e Enemalta è pronta per utilizzare questa capacità per trasmettere i dati richiesti nel funzionamento dei sistemi di controllo, protezione e controllo della interconnessione.

Inaugurazione

Per l’inaugurazione si sono distinti i discorsi  dei due primi ministri  e del ministro dell’Energia Konrad Mizzi  il quale ha sottolineato che l’importanza del progetto è andato oltre i suoi meriti, ma ha salutato quello che dovrebbe essere il punto di partenza di ulteriore collaborazione tra Malta e l’Italia.

Il Premier maltese  Muscat ha anche sottolineato che il governo si propone di intraprendere più interconnettori di energia nel tentativo di trasformare Malta in un polo energetico, affermando che il primo passo sarebbe un gasdotto che collega Malta con l’ Italia, e in tal senso gli studi preliminari sono in una ” fase molto avanzata. “

Ha anche detto che una volta che la situazione politica in Nord Africa sarà stabilizzata, Malta dovrebbe anche cercare di sviluppare le interconnessioni con i suoi vicini meridionali.

Il Primo Ministro Italiano, Matteo Renzi ha detto che la scelta di sviluppare un interconnector non era semplicemente tecnico, ma anche culturale, affermando che in un momento in cui il Mediterraneo è stato caratterizzato da conflitti e divisioni, costruire ponti era importante.

Ha detto che l’interconnessione non è solo un bene per entrambi i paesi e per l’Europa, ma dovrebbe anche segnare il primo passo per un’ulteriore collaborazione tra i due paesi.

Intervenendo anche il dr Mizzi ha  affermato che il progetto non era semplicemente una conquista di ingegneria, ma anche una vera e propria collaborazione tra vicini e una testimonianza di un duraturo rapporto bilaterale tra i due paesi.

Egli ha detto che il progetto è stato solo l’inizio di un “viaggio di collaborazione” in materia di energia tra Malta e l’Italia, che, ha detto, si spera porterà alla realizzazione di una piattaforma di gas euromediterranea e allo sviluppo di una futura interconnessione per il gas tra i due paesi.

Nel suo discorso, il Premier  Moscat ha voluto rendere omaggio al suo predecessore, affermando che il dottor Gonzi ha avviato un ambizioso progetto che probabilmente affrontato un sacco di resistenza, non da ultimo a causa della spesa significativa coinvolti.

“Aveva una scelta da fare, e ha fatto la scelta giusta”, ha sostenuto.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.