L’Algeria: il più grande Paese del “Maghreb” a Blue Sea Land 2014

Roma – L’Ambasciatore della  Repubblica Democratica Popolare di Algeria in Italia, S.E. Rachid Marif, ha ricevuto presso la sua sede a Roma il Presidente del Distretto della Pesca, Giovanni Tumbiolo.

 Il Diplomatico del più grande Stato del “Maghreb” ha espresso la volontà del suo Paese a continuare la cooperazione, intrapresa negli anni scorsi, con il Distretto nei campi della ricerca e innovazione finalizzata alla tutela e valorizzazione del patrimonio ittico e dell’ambiente marino secondo i principi della “blue economy”.

 L’Algeria è una delle nazioni più ricche del continente africano. Lo sviluppo economico del Paese è stato a lungo fondato sull’estrazione, la produzione e l’esportazione di prodotti minerari, grazie alle imponenti riserve di petrolio e di gas naturale; il governo algerino ha però recentemente messo in atto una politica di diversificazione dell’economia basata sul rilancio del settore primario, ed in particolare dei settori dell’agricoltura e della Pesca.

 L’agricoltura in Algeria occupa più del 20% della forza lavoro e contribuisce per circa il 10% alla formazione del prodotto interno lordo; essa è praticata essenzialmente nella fascia costiera e sugli altopiani. La produzione agricola algerina è costituita soprattutto da coltivazioni di frumento, orzo, uva, agrumi, olive e datteri; rilevante, inoltre, l’allevamento di ovini, caprini e bovini. Anche la pesca, soprattutto di sardine, alici, tonni e crostacei, è una voce non trascurabile dell’economia del Paese.

 Pertanto l’Ambasciatore Marif ha assicurato una qualificata presenza algerina nei settori della pesca, agricoltura ed agroalimentare a “Blue Sea Land”, l’Expo dei Distretti Produttivi Italiani, del Mediterraneo, dell’Africa e Medi-Oriente Allargato, che si svolgerà dal 9 al 12 ottobre a Palermo, Gibellina, Marsala e Mazara del Vallo.

 (Nella foto:, da dx: Ambasciatore dell’Algeria in Italia, S.E. Rachid Marif, ed il Presidente del Distretto Giovanni Tumbiolo)   

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.