Nautica, Consorzio di aziende siciliane all’Eurasia Boat Show di Istanbul

Istanbul – ( di Gianni Contino) – Nel quadro delle attività promosse dal Ministero dello Sviluppo economico e dall’ Assessorato regionale alle attività produttive,, quest’anno anche un consorzio di aziende siciliane ha preso parte all’importante salone natutico della Turchia.  Accompagnati dal console onorario della Turchia in Sicilia, dott. Domenico Romeo, abbiamo avuto la possibilità di conoscere le realtà siciliani presenti  a questa Fiera, che è una delle più importanti a livello Europeo e del Medio Oriente. Abbiamo incontrato nell’apposito stand SICILY BOATING PROJECT, alcuni degli imprenditori partecipanti che nell’ evidenziarci la tipologia delle loro offerte, ci hanno fatto presente del loro grande interesse  per questo evento, che ancora in Turchia vede la presenza di molti espositori e visitatori a differenza di quanto invece avviene in altri Paesi, in passato leader di questo settore, quali Genova e Londra.
Ciro Rinaldi, managing director dell ACM Marinas, ci ha parlato della loro produzione, a Termini Imerese di pontili galleggianti che oggi vengono esportati ed utilizzati in molti porti turistici non solo in Europa ma anche in altri Paesi del Medio Oriente e delle Americhe.

Carlo Zerilli della Osmosea di Marsala, società che opera nel campo del trattamento dell’acqua ci ha mostrato le sofisticate apparecchiature prodotte in Sicilia che permettono sia a bordo di natanti che nelle marine di poter utuilizzare l’acqua marina rendendola potabile. Antonio Adragna, sales manager della Marien Site srl ci ha fatto presente che a Gela producono una speciale imbarcazione in vetrorsina che riscuote un particolare interesse anche in Turchia, Paese questo ben noto per l’alta qualificazione canteristica. Il Console Romeo intratteneutosi con i presenti, si è complimentato auspicando a tutti un sicuro successo, ed assicurando per quanto possibile il suo supporto conoscitivo

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.