Progetto Jimo: la Cna di Catania guarda ai mercati cinesi

(di Francesca Cabibbo) – Scambi commerciali tra la Sicilia e la Cina. L’internazionalizzazione è la nuova sfida delle imprese del meridione che cercano spazi oltre frontiera. La Cina offre numerose opportunità. Tra le zone più importanti, quella della città di Jimo, che serve tutto il Nord della Cina e che è al secondo posto per gli scambi commerciali del paese. Ed è a quella zona che guarda la Cna di Catania che ha lanciato il “Progetto Jimo”, proprio per cercare di combattere la crisi e per cogliere le opportunità – ancora tante – che l’estero riserva all’artigianato e alle piccole e medie imprese italiane. Il progetto è stato presentato a Catania, presso la sede di Unifidi, in via Di Stefano 38.

Nel cuore di Jimo sorge un centro commerciale di 300mila metri quadri, distribuiti su 5 livelli, al cui interno è stato previsto una spazio interamente dedicato al Made in Italy, con 20mila mq riservati alle imprese italiane per la vendita, sia al dettaglio che all’ingrosso.

Il progetto è di notevole importanza, essendo destinato a prodotti internazionali (principali settori di interesse: moda, agroalimentare, oreficeria, oggetti di design e artigianato artistico) capaci di coprire sia il mercato regionale-nazionale, sia l’interscambio commerciale con Corea del Sud e Giappone.

Francesca Cabibbo

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.