Raccontare l’Eccellenza, Musumeci all’Ansa: ‘Occasione per la Sicilia’

PALERMO – “Sono davvero stanco di assistere a programmi televisivi concepiti soltanto per fare audience e sputare veleno sulla nostra isola, che di problemi ne ha tanti. Un giornalismo serio si preoccupa di mettere in luce aspetti positivi e negativi: demonizzare un popolo, una cultura pluri-millenaria è davvero una offesa al criterio obiettivo di un buon giornalismo. E per questo l’evento dell’ANSA è una occasione in positivo”. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, intervenendo all’evento “Raccontare l’eccellenza, l’informazione ANSA per diffondere il meglio della Sicilia in Italia e nel mondo” in corso a Villa Zito, a Palermo.

Per il presidente Musumeci “le eccellenze, e non sono rare, diventano la punta di diamante in questa terra e noi classe politica non c’entriamo nulla, anzi il pubblico spesso serve a rallentare, frenare e scoraggiare”. “Le eccellenze – evidenzia il governatore – sono tutte merito del privato che ha saputo razionalizzare fantasia, creatività, tenacia, perseveranza e un esasperato individualismo”. “Se la sfida si chiama qualità, noi questa sfida la dobbiamo giocare fino all’ultimo con un vantaggio sulle altre regioni: il brand Sicilia che non teme concorrenti – aggiunge Musumeci – Il problema è saperci organizzare. Ho spiegato ad alcuni produttori della Sicilia orientale di non registrare denominazioni che all’esterno non passano come la mostarda di Militello, il pistacchio di Bronte o il pane di Lentini. Piuttosto si punti sul brand, come per i vini siciliani. Serve buona volontà, serve che produttori e operatori si mettano insieme per fare sistema e e che i governi siano umili accostandosi ai suggerimenti degli imprenditori. Se la classe politica mette a disposizione risorse e logistica nello spazio di 4-5 anni possiamo davvero vincere la la partita”.

“Abbiamo messo in campo come governo 3 miliardi di euro – ha detto ancora – lo scopo è di spendere quanto più denaro pubblico e puntando su obiettivi concreti per la crescita della Sicilia. La mia regola è lavorare e tacere, bisogna comunicare le cose fatte, i siciliani sono stanchi di promesse, meglio lavorare sotto traccia con sobrietà”. “E’ difficile pensare che la Sicilia, che spende 57 milioni all’anno per 45 mila precari retaggio di una Regione che in passato ha funzionato come ammortizzatore sociale, possa uscire presto dal tunnel ma se permettiamo alle imprese di lavorare contribuiamo alla crescita dei consumi – ha aggiunto – Stiamo spingendo per favorire i giovani, basti pensare che la Sicilia è al 4° posto in Italia per numero di start up, abbiamo superato il Piemonte. Abbiamo pubblicato un bando di 35 mln di euro per l’internazionalizzazione, 300 le imprese che hanno beneficiato dei contributi: è un primo segnale, torneremo su questo bando, lo perfezioneremo. Partecipiamo a tutte le borse internazionali, siamo stati in Giappone, in Cina, sosteniamo i pescatori per il rinnovamento delle barche”.

“Quello che è cambiato in questa regione sono l’etica e l’estetica: e le due realtà che sono cambiate di più negli ultimi 40 anni, sono i produttori di vino e Palermo. Eravamo provincialismo soffocante, oggi siamo orgoglio”. Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, intervenendo all’evento “Raccontare l’eccellenza: l’informazione ANSA per diffondere il meglio della Sicilia in Italia e nel mondo”. “Oggi Palermo è la città più sicura d’Italia, lo dice l’Istat: prima di Bologna, Milano, Napoli e Roma – Proprio oggi abbiamo riaperto l’hotel Sole, in corso Vittorio Emanuele, un motivo di grande soddisfazione”.

“Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è l’immagine della Sicilia sana, onesta e umana che ha vinto e convinto il Paese. È l’eccellenza”. Lo ha detto il rettore dell’Università Kore di Enna, Gianni Puglisi, intervenendo all’evento “Raccontare l’eccellenza, l’informazione ANSA per diffondere il meglio della Sicilia in Italia e nel mondo” a Villa Zito, a Palermo. “Il mio amico e collega Mattarella è riuscito con molto garbo a dare di sé e di tutto il territorio siciliano una immagine condivisa da tutto il popolo”, ha aggiunto Puglisi.

Presenti all’evento l’amministratore delegato dell’ANSA Stefano De Alessandri, il direttore dell’ANSA Luigi Contu e diversi esponenti delle eccellenze in Sicilia. All’iniziativa sono intervenuti anche alcuni testimonial delle eccellenze siciliane: dalla Cultura all’Imprenditoria, dal Turismo alla Sanità, dall’Agroalimentare al settore del Food & Wine fino all’Ict e alle Start up più innovative. Tra i partecipanti – inoltre – il presidente emerito di Unesco Italia Gianni Puglisi, l’amministratore delegato dell’azienda vinicola Donnafugata Josè Rallo, il fondatore e presidente della compagnia di autonoleggio Sicily By Car Tommaso Dragotto, il fondatore e presidente di Aeroviaggi Antonio Mangia, il fondatore e Ceo di Giglio.com Giuseppe Giglio, la presidente nazionale di Aiop Barbara Cittadini e il maestro pasticciere Nicola Fiasconaro, dell’omonima azienda dolciaria.

Altri testimonial saranno lo chef stellato Ciccio Sultano, l’amministratore unico di Oranfrizer Nello Alba, e la presidente del Distretto degli agrumi di Sicilia Federica Argentati, che parleranno del recente accordo sull’export di arance siciliane siglato con la Cina, e ancora il cofondatore e direttore della start up Push Domenico Schillaci, e il cofondatore e chief officer di Morpheos Davide Scarso. “L’incontro – spiega il direttore dell’ANSA, Contu – sarà l’occasione per raccontare quanto di meglio oggi la Sicilia è in grado di offrire nei diversi settori, ma anche per illustrare il supporto fondamentale dell’ANSA nel comunicare queste Eccellenze a livello internazionale”.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.