Rai: Mediterraneo; Cipro, l’isola spaccata in due

PALERMO, 29 MAG – A Cipro, l’isola “spaccata” dove resiste l’ultimo muro dell’Europa mediterranea.

Attraversare la green line significa cambiare lingua, cultura e perfino moneta: l’euro nella parte greco-cipriota che fa parte della UE dal 2004, la lira turca oltre frontiera. La scoperta di giacimenti di idrocarburi nelle acque del mare dove – secondo il mito – nacque Afrodite, la restituzione di terre e case ai legittimi proprietari di entrambe le comunità, la questione dei “desaparecidos”, la smilitarizzazione e la riunificazione dell’isola. Tutti i conflitti irrisolti di Cipro a Mediterraneo – il settimanale della Tgr realizzato a Palermo, a cura di Maria Pia Farinella e condotto da Lucilla Alcamisi, in onda domenica 31 maggio alle 12.25 su Rai Tre. I negoziati languono, ma la comunità internazionale sa bene che dalla soluzione della questione cipriota passa la pace in Medio Oriente. Poi in Egitto, storie di donne straziate dalla pratica ancestrale dell’infibulazione. Una mutilazione vietata dal 2008, ma ancora largamente diffusa. E ancora, in Puglia. Nella vasta e assolata pianura del Tavoliere, molti braccianti stranieri continuano a lavorare la terra, spesso da “invisibili” e senza alcun diritto. Mediterraneo entra nelle baracche dove, senza luce, né acqua, né servizi igienici, vivono centinaia di migranti provenienti dall’Africa.

Infine, in Basilicata, il riscatto di Matera, da “vergogna nazionale” secondo la definizione di Togliatti nel 1948 a capitale europea della cultura nel 2019. Intanto, la città è diventata set privilegiato per registi del calibro di Pasolini, Francesco Rosi e Mel Gibson.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.