Riparte il progetto “Polymeda”: cooperazione scientifica e relazioni commerciali tra Tunisia e Sicilia

Siracusa – Riparte il progetto Polymeda, dopo una pausa dovuta alla riorganizzazione degli uffici della ex Provincia Regionale di Siracusa (ora Libero Consorzio dei Comuni) e si avvia alle fase finale. Si è svolta infatti, nel locali della ex Provincia Regionale, una riunione operativa convocata dal responsabile del progetto, dr. Salvatore Mancarella, dello staff del partenariato per programmare le ultime azioni da fare.

Polymeda, promosso dalla ex Provincia Regionale in partenariato con Confindustria Siracusa, il CNR di Catania e l’Utica di Ariana (la corrispondente Confindustria tunisina), mira a rafforzare la cooperazione scientifica e tecnologica e le relazioni commerciali tra Sicilia e Tunisia nei settori della produzione, trasformazione e imballaggio agro-alimentare e del pescato.

Sta per essere inaugurato a Tunisi – riferisce Salvatore Mancarella – nella sede dell’Utica di Ariana, lo Sportello per l’Innovazione che si propone di fare da tramite per il trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca a quello delle imprese e per esplorare nel tempo la possibilità di creare forme di collaborazione tra imprese della provincia di Siracusa e di Ariana nei settori dell’agro-alimentare e ittico incrociate con i settori tecnologici emergenti”.

 

In questi giorni, intanto, le imprese della provincia di Siracusa stanno ricevendo un “avviso a manifestare interesse” per essere inserite nel “catalogo interattivo delle imprese” a cura di Confindustria Siracusa ed Utica, che avrà lo scopo di raccogliere la disponibilità delle imprese ad avviare rapporti di cooperazione.

Il progetto prevede, infatti, la realizzazione di incontri B2B tra imprenditori siracusani e tunisini per favorire la conoscenza delle opportunità offerte dalla Tunisia e aprire la strada a possibili forme di collaborazione nei settori d’interesse del progetto.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.