Scambi culturali, Sicilia e Cina sempre più vicine

La Sicilia e la Cina sempre più vicine. Nel segno della cooperazione, dello studio e degli scambi culturali. A rivelarsi vincente l’accordo per la mobilità di studenti e docenti tra l’Università di Palermo e la Sichuan International Studies University di Chongqing (Sisu), una città della Cina centro-meridionale. L’accordo – come fa sapere l’ateneo siciliano – ha nella Scuola di Lingua italiana per Stranieri e nel corso di italiano della Sisu i motori fondamentali. Ad apprezzare l’attività svolta nel settore della didattica e della formazione degli studenti cinesi e a complimentarsi con la Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo è stato  anche il console generale d’Italia a Chongqing, Sergio Maffettone. Il diplomatico italiano, infatti, in una lettera indirizzata alla direttrice della Scuola Mari D’Agostino ha sottolineato “lo straordinario entusiasmo che trasmettete ai giovani che vengono a studiare da voi. Si tratta – ha aggiunto – di una fucina di giovani cinesi italofoni che rappresenta una straordinaria ricchezza per il nostro Paese”. Il commento di Maffettone arriva a conclusione di un periodo molto intenso di attività svolte a Palermo e a Chongqing sul filo della collaborazione internazionale tra i due poli universitari.  Intanto, sta per essere pubblicato il nuovo bando per la mobilità di studenti UniPa che vogliono studiare nel prossimo semestre la lingua cinese presso la Università Sisu, con importanti novità: dieci borse di studio di 800 euro ciascuna e la possibilità di ottenere rimborsi spese. (PO / Gil)
SCHEDA / CULTURA, MUSICA E POESIA

A Chongqing, nell’ambito della due giorni del 14 e 15 novembre promossa dal consolato generale d’Italia e dedicata alla cultura italiana, gli studenti della Università Sisu, alcuni dei quali già in residenza di studio a Palermo, per volontà del console Maffettone sono stati i protagonisti di un pomeriggio di cultura, musica e poesia. Seguiti e coordinati da Yang Lin, responsabile del corso di italiano alla Sisu e da Giuseppe Paternostro, ricercatore UniPa di linguistica italiana (e in questo semestre visiting professor alla Sisu), hanno cantato e declamato alcuni tra i più significativi testi della tradizione culturale e letteraria italiana. Ad ottobre, invece, a Palermo gli studenti della Sisu in residenza di studio hanno presentato le loro traduzioni in cinese di testi degli scrittori Viola Di Grado, Francesco Maino, Evelina Santangelo. A seguirli in videoconferenza da Chongqing i loro colleghi e docenti dell’università Sisu e da Palermo, nell’aula magna del complesso universitario di Sant’Antonino, oltre ad un gremitissimo parter di pubblico, la docente della Sisu Chen Ying (in questo semestre lettrice di cinese presso UniPa, che ha supervisionato le traduzioni).

(© 9Colonne –

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.