Scherma, a Modica 15 tecnici provenienti dai paesi del mediterraneo

E’ ufficialmente cominciato lunedì scorso a Modica il corso internazionale per maestri di scherma, previsto dalla Federazione Internazionale nell’ambito del progetto “Club Movement Initiative”.

Ad accogliere i partecipanti dopo il primo giorno di lezioni vi erano Maestro Giorgio Scarso, in questa occasione nelle vesti di Vice Presidente della Federazione Internazionale, e il Presidente della Conad Scherma Modica Maria Monisteri. L’iniziativa promossa dalla FIE si pone l’obiettivo di individuare in tutto il Mondo quei centri di eccellenza schermistici posizionati in particolari ambiti geografici e dotati di alcune specifiche caratteristiche ricettive, al fine di promuovere attività di formazione per tecnici e non solo, soprattutto provenienti da quei Paesi dove la scherma è in fase di crescita. La realtà schermistica modicana, individuata proprio lo scorso dicembre dalla FIE, ha accolto circa quindici tecnici provenienti da Serbia, Grecia, Albania, Turchia, Egitto, Armenia, Bahrein, Algeria, Malta e Tunisia, per un seminario formativo lungo un mese e che si comporrà di approfondimenti sia pratici che teorici. Non solo scherma ma anche approfondimenti sui temi della medicina dello sport, della preparazione atletica, della psicologia dello sport, del marketing e della comunicazione.

Il progetto CMI pone, grazie alla scherma, ancora una volta Modica e la provincia iblea al centro dell’attenzione internazionale costituendo un’importante volano per la promozione e la valorizzazione dell’intero comprensorio. “Abbiamo colto al volo questa opportunità – afferma il Presidente della Conad Scherma Modica Maria Monisteri – consapevoli della responsabilità che la FIE ci ha affidato scegliendo la Conad Scherma Modica e la città Modica come sede preposta allo sviluppo del progetto. Siamo sicuri che da tale occasione vi sarà, a livello internazionale, un ritorno d’immagine non indifferente per la nostra città ed i suoi luoghi incantevoli. Siamo orgogliosi di poterne essere i portatori.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.