Sicilia regione con maggiore diseguaglianza economica

Nel 2015 la quota di persone soddisfatte per la propria situazione economica risulta in aumento (47,4%) per il secondo anno consecutivo; a crescere sono soprattutto coloro che si dichiarano “abbastanza soddisfatti”. Il livello di soddisfazione per la situazione economica presenta una variabilita’ a livello territoriale: Mezzogiorno e Centro sono le ripartizioni in cui l’aumento delle quota rispetto al 2014 e’ piu’ consistente (circa 4,5 punti percentuali in piu’). E’ quanto emerge dal rapporto “Noi Italia” dell’Istat. I paesi dell’Ue28 presentano notevoli differenze in termini di diseguaglianza. Nella graduatoria in ordine decrescente, l’indice di concentrazione colloca l’Italia al decimo posto (0,324), con un valore poco piu’ elevato di quello medio europeo (0,309). Lungo la Penisola e’ la Sicilia a mostrare la concentrazione dei redditi piu’ alta, con un indice pari a 0,365, mentre il reddito e’ piu’ equamente distribuito in Valle d’Aosta e in Friuli-Venezia Giulia.

Nel 2014 l’indicatore di grave deprivazione materiale segna una riduzione, interessa l’11,6% delle persone (12,3% nel 2013). Il valore del Mezzogiorno (19,9%, oltre 4 milioni di individui), per quanto in forte diminuzione, e’ piu’ elevato di quello rilevato in tutto il Centro-Nord (7,2%, quasi 3 milioni di individui). Tra il 2013 e il 2014 l’incidenza della poverta’ – relativa e assoluta – e’ risultata sostanzialmente stabile. La poverta’ relativa coinvolge circa un decimo delle famiglie residenti, quella assoluta il 5,7%. Nel 2013 le famiglie residenti in Italia hanno percepito un reddito disponibile netto (esclusi i fitti imputati) pari, in media, a 29.473 euro, circa 2.456 euro al mese. Il valore varia sensibilmente sul territorio: la provincia autonoma di Bolzano registra il livello piu’ elevato, 17.500 euro in piu’ rispetto al Molise, la regione con il valore piu’ basso. (ITALPRESS)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi