Sicilia -Tunisia: progetto HI.L.F.Trad sulla biodiversità dei formaggi

TUNISI, 20 GEN – Creare una rete di conoscenze tra mondo della ricerca e attori del settore lattiero-caseario al fine di ottenere uno scambio reciproco di competenze e tecnologie nell’area transfrontaliera interessata, promuovere i formaggi tunisini che diventano così ”marchio” del territorio da cui provengono, elaborare una strategia comune volta ad sistema di produzione di qualità che sia in grado di impiegare le nuove tecnologie pur riuscendo a conservare i fattori di biodiversità. Questi gli obiettivi del progetto europeo Enpi CBC Med di cooperazione transfrontaliera coordinato dal Consorzio per la Ricerca sulla Filiera Lattiero Casearia (CoRFiLaC) di Ragusa, insieme al Gruppo di Azione locale Eloro di Siracusa, all’Institut National Agronomique de Tunisie (INAT), Direction Générale de la Production Agricole (DGPA) di Tunisi e dal Groupement de développement agricole (GDA) di Beja.

Il progetto si basa sull’idea che i formaggi tradizionali sono legati al territorio di origine dal quale traggono caratteristiche peculiari definite ”fattori di biodiversità”, spiega ad ANSAmed la Responsabile del progetto, Stefania Carpino del CoRFiLaC, reduce da una sessione di incontri con i partner tunisini a Beja e Tunisi, che prosegue affermando che sono i fattori legati alla terra, al clima, al latte crudo, al pascolo, all’allevamento e agli aspetti storico-culturali che distinguono la zona di produzione. Per queste ragioni, un formaggio tradizionale può quindi diventare vettore di conoscenza del luogo e della sua cultura, un mezzo di interazione tra la filiera produttiva ed i consumatori. Tra gli obiettivi specifici del progetto una formazione ad hoc sulla qualità dei foraggi, del latte e dei formaggi, la certificazione DOP, le analisi del latte e dei formaggi, uno studio di marketing sull’etichettatura del prodotto finale, l’applicazione di un piano di marketing sperimentale dei prodotti lattiero-caseari e la creazione di un prototipo di packaging per un formaggio locale. Le prossime attività del progetto, ci spiega la Corfino, sono uno stage di Ricercatori e studenti dell’INAT presso i laboratori del CoRFiLaC, una missione degli agronomi siciliani a Beja per la formazione di formatori con focus su qualità dell’alimentazione delle pecore da latte. La Corfino conclude anticipando ad ANSAmed che si sta cercando di organizzare un incontro tra gli esperti della sezione certificazione del Ministero dell’agricoltura tunisino e quelli italiani del Ministero omologo per aprire un canale di comunicazione ufficiale tra i due. Obiettivo finale, spiega, è infatti la certificazione del formaggio ”Italo Tunisienne” di Beja, che sarà il primo prodotto tunisino di origine animale ad avere un marchio di certificazione.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.