World Mayor 2014, il sindaco di Lampedusa Giusy Nicolini tra i finalisti

IZMIR – “Aziz KocaoGlu, sindaco della BüyükSehir (città metropolitana) di Izmir e Giusy Nicolini, sindaco di Lampedusa, sono tra i 26 finalisti dei 121 partecipanti per il titolo di World Mayor 2014, l’iniziativa promossa dallaCity Mayors Foundation di Londra, il cui risultato è atteso a Gennaio 2015”. A riportare la notizia è Simone Favaro sul “Nuovo Levantino” che dirige a Izmir.

“L’obiettivo del premio, che dal 2004 viene assegnato ogni due anni, è di individuare il sindaco che ha dato importanti contributi alla propria comunità e ha sviluppato una visione per la vita urbana e il lavoro rilevanti per la città stessa e per le altre città nel mondo.
La scelta del World Mayor si basa sulla capacità di visione, di gestione, integrità leadership del candidato nonchè sull’attenzione allo sviluppo economico e sociale, alla capaictà di garantire sicurezza e la protezione dell’ambiente ma anche alla abilità nell’incoraggiare le relazioni tra comunità con background culturali, razziali e sociali differenti.
Per potersi candidare, il Sindaco deve sottoscrivere un codice etico con cui si impegna, anche successivamente alla eventuale vittoria, di continuare ad operare nel bene della comunità senza discriminazione politica, di etnia o religione e di adottare un comportamento tale da evitare possibili corruzioni, quali il rifiutare regali da privati e, in caso di comportamenti simili, di denunciare immediatamente l’accaduto.
La scelta si basa sul numero di nomination ottenute durante la fase di votazione, conclusasi ad Ottobre, in relazione al numero di abitanti della città ma soprattutto sulla capacità di persuasione e sulla conviznione dei testimonial. Oltre alla nomina di World Mayor, la fondazione seleziona due runner-up, (secondo e terzo posto), a cui vengono riconosciute speciali menzioni per il lavoro svolto nella loro comunità.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.