Relazioni internazionali, sindaco di Palermo in Tunisia

Palermo, 18 nov.  – Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, si è recato nella città di Tunisi, dove già ieri ha incontrato Mohamed Zine Chelaifa, sottosegretario dello Stato tunisino incaricato per l’Europa, e Ridha Kacem, direttore generale dell’Agenzia di valorizzazione del Patrimonio. Nel corso del pomeriggio il primo cittadino ha visitato il Museo del Bardo, teatro di un recente attentato terroristico, e dopo ha incontrato Salma Kekik, ministro del Turismo tunisino, insieme ad Abdellatif Hamam, direttore generale dell’ONTT.

“La visita a questa città e allo splendido Museo del Bardo – ha dichiarato il sindaco Orlando – è un modo per esprimere solidarietà e vicinanza al mondo arabo e alla sua ricchissima tradizione culturale, vittima tanto di odiosi attacchi terroristici, quanto di inaccettabili comportamenti di intolleranza e xenofobia”.

Oggetto di tutti gli incontri è stata la possibilità di rafforzamento dei rapporti bilaterali Palermo/Tunisi “nell’ottica – ha detto Orlando – della interculturalità, della cooperazione, del rilancio delle relazioni commerciali e turistiche e dello sviluppo reciproco in una prospettiva euro-mediterranea. Il nostro obiettivo – ha aggiunto – è quello di far nascere e sviluppare più stretti legami di collaborazione fra le sponde italiane e quelle tunisine. Speriamo, infatti, – ha concluso il primo cittadino – che questo possa unire ancora di più i nostri popoli nell’affermazione della libertà dalla violenza, dal sopruso e dalla minaccia del terrorismo, e darci una marcia in più nella risoluzione del delicato problema degli sbarchi”.

Oggi Orlando si recherà a Biserta, dove incontrerà Mnaouer Ouertani e Riadh Laham, rispettivamente governatore e sindaco della città tunisina, e Neila Hafsia, direttore Generale della Marina Bizerta, insieme al capitano Anis Zarrouk.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.