Turismo religioso e siti Unesco, la nuova via della Sicilia

Passa anche dal turismo religioso e da quello naturalistico la nuova strategia che la Sicilia mette in campo per sfruttare al meglio l’onda lunga di inizio anno, che ha visto un aumento del 6 per cento della domanda turistica nazionale e internazionale e la previsione di un’ulteriore crescita di 10 punti o percentuali per i prossimi mesi.

Per la promozione del turismo religioso l’assessorato, come ha spiegato l’assessore regionale al Turismo Cleo Li Calzi, ha messo sul tavolo un bando da quasi 2 milioni dai euro per finanziare progetti a tema e si occuperà di organizzare seminari formativi, anche in vista della prima Borsa internazionale del turismo religioso, prevista a Monreale a ottobre.

Tra le nuove iniziative la candidatura della Sicilia a ospitare, il prossimo anno, il salone mondiale dei Patrimoni Unesco, “anche perché – spiega l’assessore – in Sicilia c’è il maggior numero di siti Unesco”. Inoltre, per dare impulso all’inbound internazionale sono stati organizzati due educational tour con operatori coreani e americani, anche in vista di nuovi collegamenti aerei tra la Sicilia e Seul, New York e il Sud America. Inoltre la Regione il mese scorso ha firmato un protocollo d’intesa con alcuni rappresentanti di regioni cinesi per il potenziamento dei flussi turistici provenienti dal Paese asiatico.

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.