Fra le 30 aziende del Made in Italy alla Fruit Logistic anche la siciliana Oranfrizer

Berlino – (di Omar Gelsomino) – E’ alle porte l’inaugurazione del Fruit Logistica 2015, l’evento tedesco che per tre giorni – dal 4 al 6 febbraio – attirerà l’attenzione mondiale del settore ortofrutta su Berlino e che farà volare in Germania migliaia di addetti del settore agroalimentare.

L’offerta italiana quest’anno è concen-trata al padiglione 2.2 nello Stand Italy 2015 allestito dal Centro Servizi Ortofrutticoli (C.S.O.), Fruitimprese, l’Istituto Nazionale per il Commercio Estero (I.C.E.) ed Ortofrutta Italia, un unico grande spazio pensato per ospitare le 30 aziende leader del settore ortofrutta del nostro paese. Tra queste 30 c’è Oranfrizer che si unisce al motto del gruppo «l’unione fa la forza», l’impresa siciliana promuoverà la sua migliore offerta: l’arancia rossa. Salvo Laudani (Marketing Manager), Sara Grasso (Export Manager) e Annalisa Alba (Commercial Export Area) saranno a Berlino per incon-trare i professionisti del settore e condividere con loro gli aspetti distintivi della gamma dei prodotti freschi e trasformati prodotti e confezionati in Sicilia che già da alcuni anni Oranfrizer esporta in Giappone, Korea, Usa, Finlandia, Sud Africa, Norvegia, Svizzera, Gran Bretagna, Francia. Per que-sta edizione 2015 saranno 2700 gli espositori, per orientare i visitatori più interessati all’offerta bio-logica e ai prodotti fresh convenience sono stati creati due percorsi: l’Organic Route e il Conve-nience Route.

Oranfrizer è stata inserita tra i 146 espositori dell’Organic Route con la sua linea di agrumi e di spremute Bior ed è anche stata inclusa tra i 50 espositori del Convenience Route grazie alla sua ampia gamma di Succhi 100% NFC. “La competizione nel settore degli agrumi è aspra – spiega Salvo Laudani – per esportare senza rimanere vittime di un mercato che gioca al ribasso mi-riamo a valorizzare il nostro core business all’interno di quella fascia di imprese della grande distri-buzione interessata ad importare dall’Italia i frutti-identità del nostro paese”. Oranfrizer punta so-prattutto sull’arancia rossa, il più caratteristico degli agrumi siciliani che manifesta la provenienza attraverso la compresenza di alcune peculiarità estetiche , gastronomiche ed organolettiche. Le ca-ratteristiche pedoclimatiche del territorio di produzione, infatti, incidono su tutti e tre questi aspetti e sono determinanti per il risultato finale, cioè un’arancia riconoscibile per il suo colore rosso, per il suo gusto equilibrato e per il suo eccezionale contenuto di Vitamina C e di antocianine. Le insegne internazionali che investono sull’enogastronomia italiana ricercano le specialties che possono re-almente vantare una bandiera tricolore e grazie ad esse conquistano l’apprezzamento e la fiducia dei consumatori. Secondo l’amministratore unico di Oranfrizer Nello Alba l’Italia possiede un patrimo-nio di materie prime con caratteristiche distintive e indissolubilmente legate al territorio d’origine che vanno tutelate di più “Se nei mercati esteri bisogna lottare per superare la complessa concorren-za che gioca sul prezzo a discapito della qualità e dell’autenticità, nel nostro mercato interno do-vremmo creare più link tra il settore agroalimentare e quello dell’enogastronomia e del turismo. Certi prodotti ce li abbiamo solo noi – conclude – sono come le opere d’arte, sono inimitabili e rap-presentano una parte integrante del DNA dell’Italia. Dobbiamo evidenziare la netta differenza che c’è tra ciò che per natura appartiene solo a noi e ciò che produce il resto del mondo”. Ecco tutte le 30 imprese del Made in Italy: Agribologna, Agro T 18, Alegra, Almaverde Bio, Aop Serena, Apo-fruit Italia, Aposcaligera, Besana, Brio, Ceor, Cft, Cpr System, De Lucia, Del Gaudio, Eurocom-pany, Fogliati, Fruit Modena Group, Granfrutta Zani, Graziani, Mazzoni, Modi’ Europa, O.P.O. Veneto, O.P. San Lidano, Oranfrizer, Orogel Fresco, Pempacorer, Peviani, Salvi, Secondulfo, Val-frutta.

Omar Gelsomino

Redazione

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.