Press tour di giornalisti tedeschi per l’inaugurazione del volo Comiso-Weezel

Comiso – “Grande attenzione, e non poteva essere altrimenti conoscendo le bellezze del nostro territorio, da parte dei giornalisti tedeschi che stanno partecipando al press tour in fase di svolgimento in provincia di Ragusa. In concomitanza con l’avvio della rotta Comiso-Dusseldorf Weeze, questa iniziativa mira, come pensavamo, a garantire la piena conoscenza del nostro territorio a chi potrà promuoverne le peculiarità tra i propri lettori così da incrementare le presenze a casa nostra”. Lo dice il presidente del Distretto turistico degli Iblei, Giovanni Occhipinti, che ha ritenuto assolutamente proficua la prima giornata della visita che ha permesso ai giornalisti di testate specializzate di conoscere da vicino le bellezze di alcuni centri dell’area iblea (ieri Comiso e i borghi marinari della costa) senza dimenticare la degustazione di prodotti tipici risultata molto apprezzata. “La fase iniziale del press tour – dice Occhipinti – è stata caratterizzata da un briefing che ha visto la presenza, tra gli altri, del presidente della Soaco, Rosario Dibennardo, oltre che del sindaco Filippo Spataro.

La società di gestione dell’aeroporto di Comiso, infatti, con Ryanair, sta collaborando in maniera piena per la riuscita di questo appuntamento che potrà garantire parecchio in termini di ricaduta”. Il press tour è destinato a proseguire anche nella giornata odierna e pure domani. Il rientro dei giornalisti a Dusseldorf-Weeze è previsto per lunedì. “Abbiamo dunque tre giorni di tempo, il primo ieri – continua Occhipinti – per fare conoscere appieno quali sono tutti i punti di forza del nostro territorio. Diventa fondamentale fare sistema se vogliamo ottenere che il comparto cresca sempre di più. Non è affatto un percorso semplice ma devo dire che, ultimamente, ci si sta muovendo parecchio in tale direzione e, a questo punto, auspichiamo che i risultati possano arrivare il prima possibile”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Rispondi